Edilizia scolastica: il 22 novembre è la giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

Misure ad hoc ed interventi capillari sono i punti salienti del piano per la messa in sicurezza dell’edilizia scolastica.

Il piano di edilizia scolastica, fortemente voluto dall’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi, è attualmente in fase di attuazione. Il fondo unico per l’edilizia scolastica ha una dotazione di 3,9 miliardi per la messa in sicurezza, ristrutturazione e realizzazione di edifici scolastici. Dal 2015 ad oggi sono stati avviati circa 12.000 interventi.

Difatti, la Legge n. 107 del 2015, meglio conosciuta come “La Buona Scuola”, già dal 2015 ha autorizzato la spesa di 40 milioni di euro per il finanziamento delle indagini diagnostiche degli edifici scolastici. Con decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca del 7 agosto 2015, n. 594, sono stati definiti i criteri e le modalità per l’erogazione delle risorse agli enti locali. A ottobre dello stesso anno è stato pubblicato sul sito web del Miur l’avviso pubblico per il finanziamento in favore degli enti locali di indagini diagnostiche per i solai degli edifici pubblici scolastici.

Oltre al finanziamento relativo alle indagini diagnostiche, il governo ha stanziato 400 milioni di euro per 1.636 interventi di messa in sicurezza e messa in norma degli edifici scolastici, di cui 1.533 già aggiudicati. La descrizione di tali azioni è specificata nel capitolo #scuolesicure de La Buona Scuola. All’interno del Decreto del ‘Fare’ sono specificate, inoltre, le graduatorie relative ad altri 381 interventi finanziati con i ribassi d’asta che serviranno anche per 845 interventi per il conseguimento del certificato di agibilità e per il completamento della messa a norma previsti dal Ministero.

Con la definizione di #scuolebelle, il Ministero dedica un capitolo de La Buona Scuola agli interventi di piccola manutenzione, decoro e ripristino funzionale degli edifici scolastici. Nel 2014 sono state coinvolte 7.235 scuole, con un finanziamento di 150 milioni di euro e tra il 2015 e il 2016 sono stati effettuati altri 10mila interventi. Per la realizzazione di questi interventi il Miur versa l’importo direttamente alla scuola assegnataria. I dirigenti scolastici poi hanno il compito di ordinare gli interventi attraverso gli appalti.

Con decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca del 23 dicembre 2015, n. 943, sono stati inoltre approvati interventi regionali e assegnati 37,5 milioni per adeguamento infrastrutturale e antisismico degli edifici del sistema scolastico.

Nell’ambito del PON (Programma operativo nazionale che utilizza il Fondo europeo di sviluppo regionale) il Ministero ha finanziato gli interventi di edilizia scolastica anche con i fondi europei, ponendo particolare importanza agli ‘Ambienti per l’apprendimento’. Sono stati finanziati 577 interventi per un importo complessivo di 240 milioni di euro. Gli interventi riguardano principalmente l’efficientamento energetico, la sicurezza, l’accessibilità, l’attrattività e gli impianti sportivi. Inoltre, il Miur ha annunciato un bando per l’ottenimento di un finanziamento di 350 milioni di euro finalizzato alla sicurezza scolastica di 5 regioni meridionali (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), secondo i criteri di sostenibilità ambientale, sicurezza e inclusione sociale. Inoltre, è notizia recente, l’assegnazione di 12 milioni di euro alla regione Marche per la messa in sicurezza degli istituti superiori. Sulla base delle rilevazioni effettuate, i fondi andranno alle amministrazioni provinciali proprietarie degli edifici. Anche in seguito ai recenti accadimenti legati al terremoto, sono stati individuati diciassette edifici scolastici che necessitano urgentemente di investimenti e manutenzione.

Proprio per manifestare il grande interesse e la promessa di impegno per garantire la messa in sicurezza delle scuole, il Miur ha previsto la Giornata nazionale per la sicurezza. Con decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca del 27 novembre 2015, n. 914, tale giornata è stata prevista per il 22 novembre di ogni anno ed è dedicata a tutte le vittime degli incidenti avvenuti nelle scuole del nostro paese. In questa data, il Ministero organizza, con la collaborazione delle scuole, una serie di eventi finalizzati alla diffusione della cultura della sicurezza e alla gestione dei rischi.

Link al Corso Operatore Educativo organizzato da Minerva Sapiens Srl

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*